Centri Estivi - Area organizzatori

Modulistica, operatività ed informazioni normative aggiornate, utili per l'organizzazione dei vostri centri estivi.

Linee Guida Regione Veneto
Linee Guida nazionali
Linee Guida Sport Base 
Patto di  Responsabilità
Autodichiarazione aggiuntiva
Dichiarazione requisiti
Registro Pulizie
Locandina Sport in sicurezza
Brochure corretto lavaggio mani
Chiarimenti su mensa e cibo



Le slide di chiarimento sulla gestione dei Centri Estivi

Formazione

Le proposte formative sulle misure di protezione Covid-19 per gli operatori e gestori
------------
CONI VENETO - "Apriamo lo Sport!" (corso on line)
-------------
FONDAZIONE SSP - Corso E-Learning 
------------- 

Lo Sport è di Casa

Attività di intrattenimento destinate ai più piccoli by Warner Bros Entr. Italia e Sport Salute. Le schede saranno sempre disponibili gratuitamente nell’apposita sezione dedicata nel link.

F.A.Q.

Chiarimenti sulle Linee di indirizzo per la riapertura dei servizi per l’infanzia e l’adolescenza 0-17 anni Interventi e misure di sicurezza per la prevenzione e il contenimento della diffusione di SARS-CoV-2

Cosa fare per partire

Il responsabile dell’attività dovrà trasmettere al Comune, prima dell’avvio della stessa, la dichiarazione di presa visione delle linee di indirizzo regionali e di impegno al rispetto delle stesse e dovrà sottoscrivere con le famiglie dei bambini il “patto di responsabilità reciproca” . Precisiamo che, non è necessario il rilascio di autorizzazioni o approvazioni aggiuntive da parte delle singole Aziende ULSS e del Comune.

Responsabile servizio

Responsabile della riapertura e del servizio può essere anche un non educatore ma un addetto alla segreteria, purché preparato sugli obblighi disposti dalle linee di indirizzo.

Adeguata informazione

Predisporre per genitori, bambini e personale una adeguata informazione su tutte le misure di prevenzione da adottare. Prevedere segnaletica, con pittogrammi e affini, idonea ai minori.
Invitare il personale e i genitori all'auto-monitoraggio delle condizioni di salute proprie e del proprio nucleo familiare, ed informarli circa i comportamenti da adottare in caso di comparsa di sintomi sospetti per COVID19.
Per bambini e ragazzi devono essere promosse le misure igienico-comportamentali con modalità anche ludiche, compatibilmente con l’età e con il loro grado di autonomia e consapevolezza.

Zona accoglienza ed accesso

Dovrà essere garantita una zona di accoglienza oltre la quale non sarà consentito l’accesso a genitori e accompagnatori. 
L’accesso alla struttura dovrà prevedere un’organizzazione anche su turni che eviti assembramenti di genitori e accompagnatori all’esterno della struttura stessa.

Misurazione temperatura

Prevedere la rilevazione quotidiana, della temperatura corporea, all'entrata ed in uscita,  per tutti gli operatori, bambini, genitori/accompagnatori. In caso di T >37.5 °C il soggetto dovrà essere allontanato. In caso di febbre del genitore/accompagnatore il minore non potrà accedere al servizio. Preferibilmente gli accompagnatori non dovranno essere persone con più di 60 anni.

Composizione Gruppo

Prevedere un rapporto tra personale e minori di:
- 1:5 per bambini da 0 a 5 anni,
- 1:7 per bambini da 6 a 11 anni
- 1:10 per ragazzi da 12 a 17 anni
La composizione dei gruppi di bambini deve essere il più possibile stabile nel tempo e dovranno essere evitate attività di intersezione tra gruppi diversi, mantenendo, inoltre, lo stesso personale a contatto con lo stesso gruppo di minori.

Ragazzi con disabilità

Le indicazioni prevedono un rapporto 1 a 1. 
Ci devono essere delle valutazioni cliniche del Pediatra di Famiglia e del Medico di Medicina Generale in relazione all’opportunità alla frequenza del servizio per l’infanzia e l’adolescenza
Valutare la  necessità di applicare misure protettive aggiuntive individualizzate.
L'accompagnamento prevede un operatore qualificato.

Partecipazione e turnazione

Un bambino/ragazzo che partecipa a turni di quindici giorni non consecutivi (perché, ad esempio, tra l’uno e l’altro fa vacanza con i genitori) può essere inserito, al rientro, in gruppo diverso da quello originario; il mantenimento del gruppo è una linea di indirizzo importante da seguire ma non inderogabile in caso di situazioni particolari come quella descritta.

Misure igieniche

Mettere a disposizione idonei dispenser di soluzione idroalcolica per la frequente igiene delle mani in tutti gli ambienti, in particolare nei punti di ingresso e di uscita.
I giochi dovranno essere ad utilizzo esclusivo di un singolo gruppo, salvo disinfezione prima dello scambio. 
Garantire una approfondita pulizia giornaliera degli ambienti con detergente neutro e disinfezione con particolare attenzione ai servizi igienici e le superfici toccate più frequentemente.

Mascherina e DPI

La mascherina di protezione delle vie aeree deve essere utilizzata da tutto il personale e dai bambini e ragazzi sopra i 6 anni di età.
Privilegiare mascherine colorate e/o con stampe (per evitare scambi)
Durante l'atto motorio o sportivo non servono mascherine, ma è obbligatorio il distanziamento sociale (2 mt), vedasi linee guida Sport di Base.
Rimane sempre valido, il distanziamento di almeno 1,5 mt durante la fase di non attività.

Pausa pranzo in caso pioggia

In caso di pioggia, per mangiare o per le attività didattiche, mantenendo i portoni aperti, è possibile utilizzare sale interne, rispettando distanze di sicurezza tra i bambini/ragazzi e tra gruppi.

Corsi di Nuoto

Nel rispetto delle disposizioni sulle piscine contenute nell’allegato 1) dell’ordinanza n. 55, è possibile far fare corsi di nuoto a bambini e ragazzi nell’ambito delle attività dei centri estivi regolati dall’allegato 2 della stessa ordinanza n. 55.

Educatori /volontari minori

Non è attualmente possibile dare a volontari minorenni la piena responsabilità di accompagnamento/animazione di un gruppo, ma solo di supporto.